Il progetto ha riguardato parte del complesso petrolchimico di polipropilene, nella contea di Strathcona in Aberta, Canada.

L’intero impianto è stato progettato per convertire il propano estratto a basso costo on 525.000 tonnellate l’anno di polipropilene. Questo, un polimero termoplastico di alto valore e facile trasporto, viene impiegato nella produzione di un’ampia gamma di prodotti finiti e di impiego comune, come zerbini e scolapasta. La    costruzione del complesso è iniziata nel 2018 ed il suo completamento è previsto per la fine del 2021.

Composto da un impianto di deidrogenazione del propano (PHD) e da un impianto in polipropilene (PP), il complesso petrolchimico costerà all’incirca 3,5 miliardi di dollari. Il progetto dell’impianto PHD prevede la conversione di circa 22.000 barili di propano al giorno in 525.000 tonnellate all’anno di propilene di qualità polimerica.

Client:ATP s.r.l. – LINDE Engineering
Location:Strathcona, Alberta in Canada
Year:2019-2020
Services:MEP BIM LOD 400
Scope:Detail Design Fabrication Parts
MEP BIM Model LOD 400
Shop Drawings
P&ID
2D Deliverables
VR Model Review

Progresso Cantiere Luglio 2019 – Image courtesy of: Interpipeline

La nostra attività nell’iter sia progettuale che realizzativo del complesso petrolchimico ha riguardato l’implementazione BIM del progetto degli impianti HVAC dei Building dell’impianto PP. Il ricorso al BIM ha consentito al cliente finale ed al General Contractor di digitalizzare dati geometrico – informativi di progetto, agevolando controllo e gestione dell’edificio nelle sue differenti fasi: dal concept design al momento costruttivo, dal commissioning e start – up fino alla gestione e manutenzione per l’intero ciclo di vita.

BIM MEP

La progettazione degli impianti HVAC per il complesso petrolchimico ha richiesto competenze e capacità multidisciplinari, abbracciando tematiche sia impiantistiche che di opere civili, strutture in cemento armato, in acciaio e prefabbricate. La conoscenza degli elementi proprio dell’ingegneria interdisciplinare ha permesso di interfacciarsi più rapidamente con progettisti stranieri, collaborando su un’unica piattaforma BIM. Oltre ai modelli, sono state consegnate oltre 200 documentazioni progettuali, base per la produzione dei documenti e degli equipment dai sub-contrattisti ed appaltatori del complesso.

Oltre alle informazioni geometriche relative agli ingombri ed ai tipi di materiale, il modello BIM ha consentito successive analisi relative alle perdite di carico e di velocità dell’aria, con il conseguente dimensionamento sia delle porzioni di canalizzazioni in parti di fabbricazione, sia dei supporti direttamente connessi alle strutture d’acciaio e di cemento armato, progettate dai vari team.

Il modello BIM, inoltre, ha permesso di condurre analisi prestazionali dell’intero sistema impiantistico diviso nelle sue singole aree ed ambienti, con lo scopo di migliorare il dispendio energetico durante l’arco delle giornate e tenendo conto degli sbalzi termici a cui è soggetta quell’area del Canada.